atomo, amore nostro non detto. 18 novembre 2006 – cor-pus 478 – 1070

Samstag, 18. Nov, 2006 – 23:59:47

.

clicca col tasto destro sul link qui sotto, e poi subito “apri in una nuova finestra”.

abbassa il nuovo file nella barra, senza fare altro, in modo da potere continuare a leggerti questo post, ascoltando la musica:

http://www.youtube.com/watch?v=2u1Pr9j1rpM

per questo video, che è stranamente vietato ai minori, devi anche cliccare – sempre che tu sia maggiorenne – “confirm” per poterlo far partire

* * *

il Corriere della Sera commenta il tragico e previsto fallimento della Conferenza di Nairobi sul clima e di fronte ad un mondo che corre verso la catastrofe climatica io mi conforto guardando questo incredibile autunno estivo tedesco dove sembra di essere in Sicilia trent’anni fa, dicendomi che nella migliore delle ipotesi mi rimane una ventina d’anni da vivere e che di questa catastrofe mi godrò dopotutto la parte migliore, cioè una vecchiaia tiepida come questa in cui stiamo andando verso la fine di novembre in Germania e in collina e non ho ancora acceso il riscaldamento.

che m’importa se verso la fine del secolo le temperature cresceranno di 3 gradi almeno e quindi d’estate si arriverà sui 45 gradi come nel Marocco?

sono già stato nel Sahara e ho trascorso una notte a 52 gradi: è pur vero che il giorno dopo ho bevuto 5 litri d’acqua nell’oasi per superare la sensazione di morte imminente e me ne è venuta una dissenteria durata 20 giorni, ma questa eredità toccherà a voi.

è ben vero che tutte le nostre principali città, tranne Milano e Bologna, spariranno sommerse dal mare, ma io sarò sepolto qui a 400 metri d’altezza e potrò riderci su.

così, in questa inutilità di ogni pensiero e di ogni prospettiva, nella chiara percezione che dopo di me non ci saranno molte altre generazioni per ricordarmi e che qualunque cosa di buono e bello io possa ancora realizzare nella vita sparirà quasi del tutto con me, confuso nei pensieri e nelle aspettative relative al futuro dei miei figli, mi accanisco intanto su pensieri collaterali, in arrabbiature inutili, giusto per ingannare il tempo.

* * *

be’, sai, lettore o più probabilmente lettrice mia attenta, che cosa mi fa incavolare stasera?

questo passaggio piccolo piccolo dell’articoletto marginale dedicato sul Corriere alla catastrofe umana:

“Al primo posto ci sono i Paesi europei come Gran Bretagna, Francia e Germania, che finora hanno rispettato gli impegni assunti a Kyoto e che, con molta probabilità, arriveranno alla scadenza del 2012 con le carte a posto.

Come hanno fatto?

Smantellando centrali e industrie obsolete e puntando su rinnovabili e nucleare”.

forse mi indigno troppo presto (ogni tanto capita anche a me, come no?), ma solo Gran Bretagna e Francia hanno puntato sul nucleare, la Germania sta puntando invece sulle fonti di energia rinnovabili

“Proprio dai rappresentanti di questi Paesi è stato espresso a Nairobi l’impegno di procedere con maggior vigore sulla strada delle emissioni di gas serra, arrivando addirittura a tagli del 50-75% entro il 2050”.

solo questi paesi stanno promuovendo la giusta politica energetica che potrebbe – FORSE – impedire la catastrofe, cioè si impegnano a RIDURRE sostanzialmente e rapidamente le emissioni del gas serra, mentre l’Italia berlusconiana neppure è riuscita a rispettare i ridicoli impegni di Kyoto volti a diminuire l’INCREMENTO annuo dei medesimi, anzi ha aumentato ancora le emissioni.

tuttavia il Corriere, subdolamente filonucleare – come il Governo Prodi e come l’Unione Europea, del resto – vuole far credere che l’unica strada per diminuire i gas serra sia quella dell’energia atomica!

imga0176

intanto la stampa tedesca informa della gravità dell’incidente nucleare avvenuto in luglio in Svezia e passato del tutto sotto silenzio dalla grande stampa nuclear-progressista italiana.

. . .

vi traduco i passaggi fondamentali di un articolo del Die Welt (Il mondo) di oggi.

Il Nordeuropa è stato sull’orlo di una catastrofe nucleare.

il guasto alla centrale nucleare di Forsmark quest’estate è stato molto più drammatico di quanto finora conosciuto e il 25 luglio i responsabili dell’impianto si erano già procurati l’autorizzazione del capo del governo ad aprire la cosiddetta “valvola Wallmann”, con la quale nel caso di una fusione atomica viene scaricata la pressione dell’impianto, per impedire l’esplosione del reattore.

solo l’avvio di due dei quattro generatori di corrente con motore diesel ha impedito il GAU, l’incidente di grado più elevato.

per una caduta di tensione le misure da prendere in caso di pericolo si attivarono solo parzialmente e il liquido refrigerante si abbasssò minacciosamente, per stabilizzarsi solo 1,90 metri al di sopra del nucleo radioattivo.

senza questa stabilizzazione la parte superiore del nucleo dell’impianto sarebbe stata messa a nudo nel giro di 18 minuti.

l’impianto è poi rimasto fermo per tre mesi.

il gestore dell’impianto, con l’aiuto di un centro di ricerca tedesco, ha sinora provato a simulare l’incidente al computer, senza tuttavia riuscire a comprendere le cause dell’incidente.

non si è ancora capito perchè due degli impianti di emergenza si sono riattivati e due no.

l’insicurezza dell’impianto è quindi preoccupante, perchè anche in Germania a Brunsbüttel sull’Elba è in funzione un impianto dello stesso tipo e non è da escludere la possibilità di un incidente analogo”.

imga0174

. . .

commenti al post:

ilpensierodioggi   http://www.miknet.it   Sonntag, 19. Nov, 2006 @ 00:25:17

cliccando su http://www.youtube.com/watch?v=2u1Pr9j1rpM mi e’ uscita una pagina che dice:

This video may contain content that is inappropriate for some users, as flagged by YouTube’s user community. hTo view this video, please verify you are 18 or older by logging in or signing up.

che devo fa’?

Bortocal  Sonntag, 19. Nov, 2006 @ 00:29:18

dalla foto sembreresti maggiorenne e vaccinato.

non corri pericoli, prosegui.

ma hai fatto bene a sottolinearmelo, devo avvisare i lettori.

ilpensierodioggi   http://www.miknet.it   Sonntag, 19. Nov, 2006 @ 00:28:48

Quindi, se non ho capito male, tu saresti un po’ preoccupato per questa tendenza europea all’uso del nucleare… O sbaglio?

Bortocal   Sonntag, 19. Nov, 2006 @ 00:38:02

si`, penso che possa essere un errore dovuto alla fretta di sganciarsi dal petrolio dopo avere trascurato la ricerca su fonti alternative adeguate.

l’unica eccezione e` la Germania, che pero` non e` stata appoggiata da Prodi questa estate ed e` rimasta isolata in Europa (menmtre i Verdi italiani dormono o si occupano dei caprioli).

del resto le foto del post sono state fatte a Tuebingen dove e` appena stato eletto, col voto determinante della CDU (che aveva una netta maggioranza) il secondo sindaco verde di una media citta` tedesca dopo Freiburg, a dimostrazione di quanto il tema dell’ambiente qui sia trasversale ai partiti politici.

Un pensiero riguardo “atomo, amore nostro non detto. 18 novembre 2006 – cor-pus 478 – 1070

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...